Archivi categoria: Il Colon Irritabile

Il Colon Irritabile

irritablebowelsyndrome Colon Irritabile | Sindrome| Intestino | Diagnosi | Cura 

E’ senza dubbio la piu’ frequente causa di ricorso al medico per patologia gastroenterologica.

Come me ne accorgo

Sintomi caratteristici della sindrome dell’ intestino irritabile sono: il dolore, piu’ frequente in fossa iliaca sinistra ma che si puo’ localizzare in tutte le zone addominali, e’ quasi costantemente presente. A volte il dolore puo’ anche interessare le spalle o la regione lombare. Il sintomo, generalmente,  non e’ molto intenso; non disturba il sonno, puo’ seguire il pasto ed e’ alleviato o risolto con l’ evacuazione di feci o gas; la stipsi puo’ essere tale da consentire l’evacuazione solo dopo uso di lassativi o clisteri; la diarrea con numero variabile di scariche di feci di consistenza ridotta, raramente notturne ed accompagnate o meno da dolore addominale. Nell’ intestino  irritabile, generalmente, si alternano periodi di diarrea, di stipsi e di normalita’ nella evacuazione.
Altri sintomi addominali, meteorismo con senso di gonfiore addominale, borborigmi, nausea.
Altri sintomi non addominali: cefalea, facile stancabilita’, difficolta’ alla concentrazione, palpitazione, dispnea, disuria.

Gli esami

La diagnosi di sindrome del colon irritabile e’ essenzialmente clinica cioe’ basata sull’ anamnesi (presenza dei sintomi da molti anni e loro accentuazione in corrispondenza di stress emotivi o fisici) e sulla normalita’ della visita medica e di eventuali esami di laboratorio praticati.
Se i sintomi suddetti si presentano, per la prima volta, dopo i 40 anni, o quando questi variano improvvisamente, e’ indicato sottoporre il paziente ad indagini atte ad individuare l’esistenza di patologia organica del colon (clisma opaco a doppio contrasto, colonscopia).

Cosa aspettarsi

La sindrome da intestino irritabile e’ cronica con periodi di riacutizzazione sintomatologica e fasi di quiescenza. La patologia ha decorso benigno, e non determina, generalmente, dimagramento ne’ compromissione delle condizioni generali. Le uniche complicanze sono la comparsa, come conseguenza del ponzamento cronico nelle forme a IBSprevalente stipsi, di diverticoli del colon, emorroidi e ragadi e prolasso del canale anale.

Che fare

 La terapia deve contrastare i sintomi prevalenti.
Per il dolore: antispastici tipo anticolinergici (propantelina bromuro, prifinio bromuro, cimetropio bromuro) e miolitici (trimebutina, pinaverio bromuro, ottilonio bromuro, luoroglicina) che agiscono riducendo lo spasmo intestinale.
L’olio di menta in capsule, oltre all’effetto antispastico, e’ in grado di ridurre la sensazione di gonfiore addominale.
Per la stipsi: procinetici tipo levosulpiride che determina un aumento della motilita’ peristaltica intestinale e quindi facilita la progressione delle feci; fibre contenute nei lassativi di massa (metilcellulosa, Agar, Crusca, Glucomannani, derivati dello psillio); lassativi osmotici (lattulosio e lattitolo).
Per la diarrea: loperamide che agisce riducendo la peristalsi dell’intestino; farmaci adsorbenti (carbone attivo, caolino, diosmectite) che, adsorbendo i liquidi, aumentano la consistenza delle feci.
Utili, al fine di ridurre la componente psicosomatica, la stessa levosulpiride, gli ansiolitici (benzodiazepine tipo bromazepam, lorazepam) e gli antidepressivi (amitriptilina).


Consigli

Quando il sintomo prevalente  e’ la stipsi, e’ necessario aumentare le fibre ingerite con la dieta (almeno 400g al giorno di verdure o frutta), bere almeno 1,5 litri di acqua al giorno, aumentare l’attivita’ fisica. Cercare di regolarizzare l’evacuazione recandosi alla toilette, anche in assenza di stimolo, ad orari precisi.
Quando il sintomo prevalente e’ il dolore e’ utile ridurre l’ingestione di sostanze fermentanti tipo legumi, cavoli, cipolle, broccoli, spinaci, prugne, mele, ciliegie, banane, latte, panna, gelati, cibi molto grassi, fritti, cereali integrali.
Il paziente dovrebbe imparare a riconoscere gli alimenti che scatenano o aggravano i sintomi in modo da evitarli o da ridurne l’introito.