Idrocolonterapia Adolfo Renzi Proctologia Napoli

Idrocolonterapia Napoli – Proctologo Napoli

idrocolonterapia%20speculum%20adolfo%20renzi

Proctologo Napoli, Dott. Adolfo Renzi

L’idrocolonterapia è un trattamento medico che ha dimostrato negli ultimi anni ampie possibilità applicative. La sua efficacia è stata dimostrata nei disturbi funzionali del colon e nella riabilitazione della capacità peristaltica intestinale, così come la sua utilità nella preparazione intestinale sia pre-operatoria che per indagini radiologiche contrastografiche ed endoscopiche.

    E’ una terapia ben tollerata da parte dei pazienti e non presenta effetti collaterali né di breve, né di lungo periodo. Può essere effettuata a qualsiasi ora del giorno e non necessita di una particolare preparazione da parte del paziente.

    L’indicazione dell’idrocolonterapia è utile sia all’interno di una strategia salutista per il buon mantenimento delle capacità depurative intestinali, e in questo caso può essere applicata a tutta la popolazione che non presenti le controindicazioni sottospecificate, sia nelle patologie funzionali del colon, applicando i protocolli elaborati e sottoscritti dalla Società Italiana di Idrocolonterapia, con precise finalità terapeutiche.

    L’applicazione dell’idrocolonterapia in corso di disturbi del colon deve essere preceduta da:

a) Fase diagnostica in cui si verificano le condizioni del soggetto da trattare, e le caratteristiche della sua patologia, idrocolonterapia%20pulizia%20intestinale%20adolfo%20renzial fine di stabilire se esista l’indicazione al trattamento e, in caso positivo, i tempi ed i modi del lavaggio intestinale. Questa fase può richiedere, per completezza diagnostica, la prescrizione dei seguenti esami: chimico-fisico delle feci, parassitologico, manometria ano-rettale, defecografia, clisma opaco, colonscopia.

b) Fase preparatoria atta a modificare la consistenza del contenuto intestinale, per rendere più agevole lo svuotamento del colon ed eliminare patologie quali ragadi anali ed emorroidi che potrebbero ostacolare la successiva fase terapeutica.

c) Sedute di idrocolonterapia: richiedono la conoscenza delle modalità applicative utili nelle varie patologie; per ottenere la migliore efficacia terapeutica occorre raggiungere la giusta sinergia tra pressione dell’acqua, intervalli evacuativi e adattabilità ai tempi reattivi del paziente. Durante la seduta si otterranno risultati sia nell’eliminazione di materiale fecale dalle caratteristiche fermentative o putrefattive, sia nel riequilibrio della capacità peristaltica intestinale.

d) Post trattamento: durante questa fase è possibile utilizzare rimedi per il ripristino della flora batterica eubiotica, al fine di ottimizzare la rieducazione della peristalsi intestinale attraverso la somministrazione di prebiotici, probiotici e di microelementi minerali e vitaminici. Ulteriori rimedi utili in questa fase sono quelli finalizzati al miglioramento della funzione gastrica, pancreatica, epatica, renale, ampiamente diffusi nella farmacopea fitoterapica, sia italiana che europea ed utilizzati nella direzione di simbiosi elaborata da Herget.

Controindicazioni
Rappresentano controindicazioni all’idrocolonterapia:
• tutte le patologie infiammatorie del tratto gastrointestinale in fase attiva con “discomfort intestinale”: Morbo di Chron, rettocolite ulcerosa, diverticolite
• stato gravidico accertato
• insufficienza cardiaca congestizia (NYHA grado II).

Campi di impiego dell’idrocolonterapia
• Meteorismo
• Colon irritabile
• Stipsi
• Parassitosi
• Colite ulcerosa in fase remissiva
• Diverticolosi

Nuovi campi applicativi dell’idrocolonterapia: ginecologia, gastroenterologia, urologia, proctologia.

Domande frequenti (FAQ)

Quanto dura una seduta di idrocolonterapia?

Circa 30/40 minuti. Bisogna mettere a disposizione 1 ora di tempo.


Si può effettuare l’idrocolonterapia in ogni momento della giornata e ci sono effetti collaterali dopo la terapia?

idrocolonterapia%20strumento%20Adolfo%20RenziLe modalità indicate dalla società di idrocolonterapia sono state formulate sull’esperienza dei medici che ne fanno parte. La durata di 30/40 minuti è il tempo di terapia ben tollerato da tutti i pazienti e offre una ottima efficacia terapeutica, senza effetti collaterali. L’idrocolonterapia può essere effettuata in ogni momento della giornata e non costituisce un ostacolo alla ripresa della vita quotidiana, comprese le attività lavorative.


Mi è stato diagnosticato “colon irritabile” ed ho spasmi dolorosi. Posso sottopormi all’idrocolonterapia?
Si. Gli spasmi possono essere causati da un eccessivo meteorismo, che la terapia con l’idrocolon può dissolvere.


Ho un intestino pigro e frequentemente uso lassativi. Mi può essere utile l’idrocolonterapia?
Si, perché l’emissione di acqua distende le pareti intestinali e ne sollecita la peristalsi. I passaggi dell’acqua stimolano una risposta della muscolatura liscia e riabilitano i muscoli ai movimenti necessari per l’evacuazione.

Non soffro di problemi intestinali. Vorrei provare l’idrocolonterapia come pratica disintossicante.

Ci sono contro indicazioni?

No. Ci possono essere ottimi benefici per tutto l’organismo, perché l’idrocolonterapia esercita un lavaggio profondo delle pareti intestinali e libera da residui fecali che possono depositarsi al fondo dei villi intestinali, costituendo una possibile fonte per la fermentazione batterica e il meteorismo. E’ utile nei cambi di stagione e dopo periodi di alimentazione disordinata.


Soffro di candidosi vaginale recidivante. Può essere utile l’idrocolonterapia?

Molto utile, a volte risolutiva, soprattutto se accompagnata da un riequilibrio dell’alimentazione, con una dieta mirata e della flora batterica intestinale utilizzando probiotici adeguati.


Con quale frequenza devo sottopormi all’idrocolonterapia per risolvere le mie intolleranze alimentari?

Almeno una volta alla settimana , per 5/10 sedute.


Vorrei sostituire le amalgame grigie che contengono metalli tossici quali piombo e mercurio. Il mio dentista mi ha consigliato una terapia disintossicante per tutto il tempo delle sostituzioni. E’ utile utilizzare anche l’idrocolonterapia come supporto disintossicante?

Si è molto utile, perché favorisce insieme alla terapia drenante per bocca l’eliminazione del carico tossico attraverso il canale alimentare, e quindi riduce gli effetti collaterali che si potrebbero verificare con la sostituzione delle amalgame. In senso preventivo, perciò, consigliamo una seduta di idrocolonterapia entro la settimana successiva alla sostituzione di amalgama.


Che alimentazione devo usare prima e dopo l’idrocolonterapia?

Se già si segue una alimentazione sana e controllata, non occorre fare nessun cambiamento. Se l’idrocolonterapia ha una funzione disintossicante, dopo la seduta è consigliabile un pasto ricco di verdura cotta e cruda, un po’ di cereali e del formaggio fresco tipo ricotta o yogurt naturale. Se l’idrocolon terapia ha uno scopo terapeutico per colon irritabile, stipsi, candidosi ecc., la corretta alimentazione sarà concordata con il medico curante.


E’ necessario essere a digiuno per sottoporsi all’idrocolonterapia?

No; si rispettano gli usuali orari dei pasti.


Bisogna fare una preparazione prima dell’idrocolonterapia?

Generalmente no; nei casi di stipsi o eccessivo meteorismo la necessaria preparazione verrà concordata con il medico curante.

2 pensieri su “Idrocolonterapia Napoli – Proctologo Napoli”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.